Autore: Valentina Calista

VALENTINA CALISTA Email: vale.cal@libero.it Date of birth: 22 June 1983 Research interest in Italian Studies: modern and contemporary Italian Poetry with focus on Davide Maria Turoldo and Alda Merini, poetry and theology, poetry and mysticism, biblical studies, literature and religion, linguistics and biblical languages, medieval literature, Italian philology, critical theory, literature review and creative writing. EDUCATION  2013-2014 : University of Reading PhD Student in Italian Studies (1st year, current) Project funded by AHRC and University of Reading Supervisors: Dr Daniela La Penna, Dr Paola Nasti  2012: University of Tuscia Specialization course in Environmental studies: environmental ethics Supervisor: Dr Charlotte Orazie Vallino  2012: University of Tuscia M.A. (Laurea Specialistica), Modern Philology Dissertation: David Maria Turoldo: «Parola, il fiore dell’anima». Dall’impegno sociale alla mistica: O sensi miei… , analisi tematologica di un’opera compendiaria. Supervisors: Dr Francesca Maria Petrocchi, Dr Anna Maria Lo Giudice Passing grade: 110/110 cum laude  2008: University of Tuscia B.A. (Laurea triennale) Modern Literatures Dissertation: Dalle trame del buio: Alda Merini tra follia e salvezza Supervisor: Dr Luigi Martellini Passing grade: 108/110 PUBLICATIONS POETRY BOOKS  2013: Oltretutto, Edizioni Pulcinoelefante, Osnago, Milano  2012: La vertigine dell’andatura, Edizioni Ensemble, Roma  2006: Poems by Valentina Calista, L’eco del vento, Pagine, Roma  2006: Poems by Valentina Calista in Dialoghi in Versi, La Stampa.it, commented by Maurizio Cucchi  2001: Poems by Valentina Calista, Ti confido un segreto: scrivo poesie, Rome, Pagine LITERATURE REVIEWS  2010: Calista V., “Alda Merini: quell’incessante bisogno di Dio”. Otto/Novecento, XXXIV, n. 1, Milan, (January/April 2010)  2007: Calista V., ”Alda Merini. Non potete rinchiudere i poeti”. Stilos, IX, n. 5-6, (March 2007), Catania AWARD AND HONORS  2013: AHRC Scholarship  2011: “Gianfranco Rossi” award for young authors  2008: “Parco Poesia” conference  2006: “Palmaria giovane” literary award for unpublished poets  2003: “Claudia Fioroni” literary award  2001: “Poets and poetry in schools” award WORK EXPERIENCES AND TRAINING  2010: Second Traineeship at the Centro Europeo Toscolano (CET), music school for young songwriters funded by songwriter Mogol (Giulio Rapetti)  2008: First Traineeship at the Centro Europeo Toscolano (CET), music school for young songwriters funded by songwriter Mogol (Giulio Rapetti)  2007: Interview with poet Alda Merini, Milano  2007: Course at the Officine Cinema School of Cinema. Drama course scholarship winner, Viterbo  2006-2007: Part-time Librarian worker at the Modern Foreign Languages and Literatures faculty library, University of Tuscia, Viterbo. Main activities and responsibilities: loans, archiving and cataloguing. LANGUAGES  Italian: native language  English: advanced  German: basic level (current learner)  French: basic level  Latin: good knowledge

#PoEstateSilva #14: Valentina Calista, Carne sacra

Source: #PoEstateSilva #14: Valentina Calista, Carne sacra

Annunci

Tra le guise del vento acerbo- Inedito di Valentina Calista

Tra le guise del vento acerbo è dentro

che ti riconosco, al passare del buio

nelle stanze che contenevano luce,

nelle strade che non voglio percorrere,

lì ti riconosco. Tra gli schiaffi del vento,

nella sua arroganza di presentarsi

alle porte alle finestre , quelle del retro

della casa a custodire fiori frutti e fieno.

Ti riconosco nell’abbraccio che manca al giorno

alle ore, dalle liturgie scomposte delle stagioni

e dai pericoli del loro pregare il perpetuo.

Dal tuo passo che vorrei fosse il mio

quando barcollo nelle fessure della vita

e nessuna strada sembra volersi tracciare.

Dagli occhi riflessi in figure sconosciute

nel loro portare pietre aggrappate alle spalle.

Al passare di un fiume nelle crepe dei nostri occhi,

al tuonare nero di un bosco stanco, al chiudersi

di una mano all’addio di una giornata morta.

 

Riconoscersi

Riconoscersi
Quadro di ©Arianna Papini

acrilico su compensato – cm 61×61

QUANDO LA CENA È PRONTA- Poesia di Valentina Calista

http://www.qcodemag.it/2016/04/25/quando-la-cena-e-pronta/

UNA CITTÀ, UNA NARRAZIONE COLLETTIVA, MILLE STORIE, TANTI LINGUAGGI.

Una poesia per parlare di Gerusalemme: su QCOD MAG.

10e8a2d3ee

di Valentina Calista

Quando la cena è pronta, nei nostri piatti
s’apre la danza delle nostre intese terrestri.
La passeggiata – breve – dona sapore al sogno
estivo che ci ha scoperte in viaggio,verso Istanbul.
Poi, Gerusalemme bianca ci aspetta. Le sue braccia
sono terra e avorio, ulivi radicati nelle preghiere di secoli.
Ci pieghiamo alla differenza con le mani più strette,
l’una nell’altra, poi l’una nell’altra ancora. La mia paura
legata da una litania al tuo antico dolore di nascita.
Nei piatti i colori sorseggiano le nostre amarezze,
le gioie delle nere iridi che silenziose si dilatano.

Che le cose- poesia inedita di Valentina Calista

Che le cose che aspetti siano tue, e sue:

per tutte le parti della gola rimaste afone

per tutte le cellule del corpo mancanti d’aria.

Che le cose che ami siano tue, e del creato:

per tutte le rollate dell’aria sui campi riarsi

per tutte le fiamme del sole scagliate sui muri.

 

Lascia la lingua gettare convulsioni di sillabe

nell’aria che divampa il suono allo spazio, al

tempo superbo che sa tutto, anche quando è Ora.

 

Lascia, lascia, lascia. Che le cose possedute siano

lasciate, abbandonate e ritrovate nelle piccolezze.

Che le cose mai avute siano possedute e lasciate

dal pensiero, dal sogno e dal desìo che non tace.

Che l’aria sial’unica vita nella vita.

 

In quali convulsioni del cielo- poesia inedita di Valentina Calista

In quali convulsioni del cielo

riarso sopra la luce diffusa dal sole

cerchiamo le sillabe buone

quelle dei canti d’amore o preghiere

che non concedono pause dal cuore.

Chiedimi se la felicità è tutta

nella magia delle mani e delle rughe

così scavate così profonde da vedere

anche il futuro che ci spetta in sorte.