Guardare le vetrine – Poesia di Valentina Calista

Guardare le vetrine, assistere al vortice

umano oscillare tra i due poli della strada

e osservare nell’intatto minuto la miseria.

 

So di avere quanto basta nella mia borsa, e qui

un fazzoletto pronto all’uso di un eventuale

addio, ma è certo che lo userò per il naso.

 

Passeggiamo io e te, in ogni angolo di strada

a cercare disperatamente la bellezza, quella

che non vuole denaro alle sue celebrazioni.

 

È così che lo scoiattolo ci viene a salutare,

si lascia guardare nell’impacciata simpatia

e ridiamo del nulla, la nostra semplice presenza.

 

Solo perché c’è un qui, ed ora, e un futuro

che sfugge all’uomo, solo perché sei tu

che intenerisci le mie anguste rivelazioni.

 

Questa è la freccia che cattura il tempo eterno

appeso al muro delle nostre case già cambiate,

freccia che restaura le speranze nei cassetti.

 

Guardare le vetrine, assistere al vortice

umano oscillare tra i due poli della strada

e osservare nell’intatto minuto la miseria.

 

Non parliamo di denaro io e te, non di avere,

ma dell’avida sconfitta umana, quella precedente

l’assuefazione all’amaro nel cuore oramai sfinito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...