Scalda il sapore del mio timido intercedere – di Valentina Calista

Difficile, la ragione mi sottrae all’anima.

Due parole sono più granitiche della verità

se pronunciate sull’orlo del precipizio.

Quando sbanda l’esistenza la rabbia grida.

 

Non so amarti presa dalla pietra della ragione

che pervade oltre misura la fluidità del cuore.

Scomponi i miei pezzi avariati, come motore

fuori uso, fuso, aggiustami le difettose imprese.

 

Scalda il sapore del mio timido intercedere

ora, non domani, sempre, non mai, ovunque,

non quando il sale mantiene larghe le ferite

ma quando il tuo bacio sarà balsamo di stelle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...